Firenze celebra Natalia Gocharova, artista del primo ‘900. Alcune idee di ospitalità in hotel vicini a Palazzo Strozzi

0

Firenze celebra la pittrice Natalia Goncharova, straordinaria figura femminile delle avanguardie di primo Novecento, attraverso una grande retrospettiva “Natalia Goncharova. Una donna e le avanguardie, tra Gauguin, Matisse e Picassoche ripercorre – sino al 12 gennaio 2020 – la sua vita controcorrente e la sua produzione artistica a confronto con opere di celebri artisti che sono stati per lei punti di riferimento come Paul Gauguin, Henri Matisse, Pablo Picasso, Umberto Boccioni. L’esposizione è costruita come una sorta di viaggio tra la campagna russa dove è cresciuta – russa nata a Tula nel 1881 e morta a Parigi nel 1962 – Mosca dove si è formata, e Parigi dove ha scelto di vivere all’inizio del Novecento.

Un percorso che unisce tempi e luoghi all’insegna della cultura, dell’arte e delle sue molteplici espressioni. Dall’eclettismo degli artisti rinascimentali che hanno portato il nome di Firenze nel mondo e qui hanno creato le loro opere migliori in ogni campo dell’arte, ad una donna che ha vissuto per l’arte in maniera totale e anticonformista. Natalia Goncharova attraverso le sue opere ha creato una fusione originale e potente di tradizione e innovazione, Oriente e Occidente, rendendo la propria opera un esempio unico di sperimentazione tra stili e generi artistici.

«Natalia Goncharova ha avuto un ruolo trainante nell’ambito delle avanguardie – spiega la curatrice Ludovica Sebregondi – Ha saputo dar conto della sua capacità di esplorare stili diversi, riuscendo poi a ricondurli alla propria visione del mondo. Uno spirito anticonformista, il suo, ma discreto, tenace, tanto da essere stata colpita dalla censura per opere a tema religioso, a esibirsi nei cabaret, a mostrarsi nei luoghi più eleganti di Mosca con il volto decorato. Il suo nome in ambito teatrale è leggendario, suoi dipinti hanno raggiunto quotazioni da primato alle aste, adesso è il momento che la sua opera, in toto, venga conosciuta anche dal grande pubblico».

Il pubblico può scoprire come la pittura di Natalia abbia unito elementi iconici della tradizione popolare e religiosa russa con le istanze dell’arte moderna occidentale, passando attraverso il periodo eroico del primo Novecento, quello della Grande guerra e della Parigi degli anni Venti, ritrovando echi del primitivismo di Gauguin, del cromatismo di Matisse, della forza costruttrice di Picasso, fino al dinamismo di Boccioni e Balla.

Hotel confortevoli e vicini alla sede della mostra

Quale migliore luogo dove soggiornare, quindi, degli hotels Pitti Palace al Ponte Vecchio e Laurus al Duomo che sono sede di applicazione pratica di Life Beyond Tourism il cui obiettivo è trasformare i turisti in viaggiatori del mondo, per la crescita culturale della nostra comunità mondiale, per il rispetto della diversità e per la tutela del pianeta. La mostra è ospitata a Palazzo Strozzi, a pochi passi dagli Hotel, e comprende 130 opere fra i lavori dell’enfant terrible dell’avanguardia russa e capolavori dei massimi interpreti internazionali del ‘900.

Nel cuore di Firenze, a pochi passi dalle principali piazze, musei e monumenti, dai più noti come, il Palazzo Vecchio, la Galleria degli Uffizi, ecc., il Pitti Palace al Ponte Vecchio è situato sulle sponde dell’Arno a sette metri dal Ponte Vecchio, mentre il Laurus al Duomo è in vista del Duomo con il Cupolone del Brunelleschi e il campanile di Giotto, a pochi passi dalla Stazione S. M. Novella.

I due hotel garantiscono un’accoglienza d’eccezione e servizi personalizzati in un ambiente d’arte con vista sui tetti fiorentini e sulle meraviglie della città e permettono al visitatore il privilegio di poter vivere un’esperienza autentica di cultura nelle sue varie sfaccettature. Per concedersi una visita della mostra con opere provenienti dai più importanti musei e collezioni del mondo e vivere Firenze in tutto il suo splendore si può approfittare delle proposte lanciate dai due hotel a 4 stelle che garantiscono tutto il comfort e l’esclusività di trovarsi vicini ai punti nevralgici della città rinascimentale.

Info: mostra a Firenze, Palazzo Strozzi, sino al 12 gennaio 2020.
Info hotel: Hotel Pitti Palace al Ponte Vecchio, tel. +39 055 2398711
mail: reservations@florencehotelpittipalace.com – www.florencehotelpittipalacealpontevecchio.com
Hotel Laurus al Duomo, tel. +39 055 2381752 mail: reservations@florencehotellaurusalduomo.com www.florencehotellaurusalduomo.com

Autore

Avatar