NeapolitanTrips. Il primo Villaggio Turistico Urbano d’Italia al centro di Napoli

0

NeapolitanTrips è il primo Villaggio Turistico Urbano in Italia, un polo di accoglienza adatto ad ogni tipo di viaggiatore e ad ogni esigenza di viaggio: Bed&Breakfast, Hostel, Hotel Royale e Premium Hostel in un unico edificio, nel cuore monumentale di Napoli, per un totale di 160 posti letto. L’edificio è il monumentale palazzo de La Casa del Mutilato, eretto tra il 1938 e il 1940, nel centro della città, a pochi passi dalla celebre Spaccanapoli.

Il progetto nasce nel 2015 da un’idea di Luca Sola giovane imprenditore napoletano dall’anima cosmopolita, che, con il fratello Andrea, in soli quattro anni dà vita ad un modello di ricettività unico nel suo genere: su una superficie di 2500 metri quadrati, distribuita su quattro piani, con spettacolare roof top, NeapolitanTrips è oggi crocevia di viaggiatori provenienti da ogni parte del mondo, luogo di incontro di generazioni e paesi diversi. Uno spazio vivace, dinamico, diverso da ogni altra struttura ricettiva e dalla forte vocazione internazionale.

Urban style e napoletaneità connotano gli spazi interni comuni dove si indugia in giochi di società (ping pong, freccette, monopoli, tetris, dama o scacchi), jam session (a disposizione degli ospiti ci sono basso, chitarra, pianoforte), letture, momenti di semplice condivisione. Fotografie, opere d’arte e installazioni di artisti napoletani caratterizzano tutti gli spazi che periodicamente ospitano vernissage ed esposizioni temporanee. L’Hostel Bar con terrazza è aperto anche al pubblico esterno non residente in struttura: qui si indugia ai tavolini del bar, tra free wi-fi, un calice di vino, una birra, un gioco da tavola. All’ultimo piano, il roof top La Terrazza del re con vista suggestiva sulla città offre un solarium e un salotto open air con cocktail bar. 

Il Bed&Breakfast, inaugurato nel 2015, oggi ospita 7 camere (4 doppie, 2 triple e 1 familiare dotate di Wifi, TV, aria condizionata, phon) i cui nomi richiamano alla memoria strade del centro storico e luoghi tipici del folklore napoletano come Duomo, Piedigrotta, Pizzofalcone, Quartieri Spagnoli, Rione Sanità e Tribunali. La prima colazione è all’insegna della tradizione napoletana a cominciare dal caffè preparato con la tipica cuccuma e le sfogliatelle.

L’Hostel, inaugurato nel 2017, è dotato di 66 posti letto (2 triple, 1 quadrupla, 2 camerate da sei, 4 camerate da otto ed 1 da dodici) distribuiti in camere che prendono il nome parchi, castelli e siti emblematici della città: La Floridiana, Largo San Martino, Coroglio, Parco Virgiliano, Castel dell’Ovo, Maschio Angioino, Real Orto Botanico, Stadio San Paolo, Astroni e La Gaiola. All’Hostel nel 2019 si è aggiunto il Premium Hostel che aumenta la ricettività con 6 camerate (4 camerate da otto, 2 da dieci) di categoria superiore, con due bagni privati in ognuna, intitolate a Pompei, Pozzuoli, Cuma, Ercolano, Vesuvio e Baia. A disposizione degli ospiti ci sono lavatrici e asciugatrici, cucina, deposito bagaglio e sale comuni.

L’Hotel Royale, inaugurato nel 2017, completa il tutto con 11 camere (9 doppie e 2 triple) dedicate ai quartieri più rinomati di Napoli: Toledo, Santa Lucia, Posillipo, Petraio, Mergellina, Corso Maria Teresa, Chiaia, Capodimonte, Foria, Morghen e Marechiaro. Sono camere eleganti, luminose e dotate di ogni comfort: servizio reception h24, telefono in camera, Wifi, Carta magnetica, TV, cassaforte, frigo-bar, letti divisibili, phon, asciugamano, doccia.

NeapolitanTrips è il primo Hostel a mettere l’arte al centro di ogni spazio: opere di giovani artisti abitano gli spazi comuni, i corridoi, la terrazza, il bar di quello che è stato definito il primo villaggio turistico urbano.

L’arte contemporanea è il fil rouge di tutti questi spazi. Fotografia, digital art, pittura e fumetto raccontano la città di Napoli, i suoi personaggi, la sua storia dando vita al primo Art Hostel.

Nel percorso verso le camerate si possono ammirare le opere di 8 artisti (Luca Arenare, Angela Foria, Omar Mohamed, Marina Bufano, Laura Correale, Giada Piccolo, Flavia Bracale, Roberto Cavalieri) in cui i temi iconici della Napoletanità sono protagonisti. Nella terrazza del Bar l’attenzione è tutta per l’opera realizzata site-specific su una delle pareti da Iabo, artista e writer napoletano, tra i maggiori esponenti della street art made in Napoli con mostre personali e collettive in Italia e all’estero.

Al piano del Premium Hostel spicca la serie “Humanhero”: un progetto di Luca Carnevale, giovane pittore napoletano che rappresenta i personaggi protagonisti della cultura napoletana in veste di supereroi. Massimo Troisi, Maradona, Sofia Loren, Totò, Vittorio de Sica, Pino Daniele e tanti altri vengono raffigurati in stile Pop e nelle vesti di supereroi americani.

Negli altri piani di NeapolitanTrips si possono ammirare i lavori di Sergio Siano tra cui “Il Mare che bagna Napoli” e nelle camere del B&b le foto di sei artisti napoletani (Alessandro Pierno, Enrico Napoleone, Diego Loffredo, Andrea Savoia, Luigi Lista, Paola Tufo) selezionate da Elisabetta Cartiere.

Alla collezione permanente che si arricchisce di anno in anno, si alternano per periodi di 15 giorni le esposizioni temporanee nelle aree comuni. Con l’intento di promuovere il talento di giovani artisti napoletani, le mostre vengono inaugurate il mercoledì con l’Aperiveg #inArt, l’aperitivo vegano.

Autore

Avatar