Dinamismo e anticipazione, ‘parole chiave’ della strategia MSC Crociere al battesimo di MSC Seaview

0

MSC Seaview«Anticipazione» e «dinamismo» sono le due parole chiave che definiscono al meglio le strategie commerciali di MSC Crociere, la compagnia fondata nel 1987 dal partenopeo-elvetico Gianluigi Aponte, classe 1940, imprenditore e armatore, fondatore (nel 1970) e proprietario della Mediterranean Shipping Company, oggi il secondo gruppo globale dello shipping e il primo al mondo con capitale interamente privato.
Anticipare vuol dire intuire le esigenze del mercato e tracciarne prima degli altri le linee-guida; essere dinamici significa, non dando mai nulla per scontato, perseverare nell’attuare le migliorie e i cambiamenti necessari affinché MSC Crociere sia sempre in grado di rispondere adeguatamente ad ogni necessità del cliente acquisito e di quello potenziale. Come ha sottolineato il country manager della compagnia Leonardo Massa, è stata soprattutto MSC a modificare negli ultimi due anni l’abitudine di programmare la crociera degl’italiani, giacché si è passati dalla prenotazione last minute a quella effettuata con uno o anche un paio d’anni d’anticipo sulla data di partenza. «Naturalmente noi dobbiamo essere sempre in grado di soddisfare le esigenze di tutti» ha spiegato; e con l’ampio ventaglio delle sue proposte, che coprono itinerari dalle 2 alle 118 notti (ovvero crociere di brevissimo, breve, medio, lungo raggio ed anche il giro del mondo), le attuali sedici navi della flotta MSC navigano in tutti gli oceani e sono attrezzate per allietare coloro – sempre di più – che amano questo tipo di vacanza. Tanta efficienza ha già premiato: infatti nella quota di crescita mondiale del prodotto-crociera l’incremento dovuto a MSC giunge addirittura al 25%.

MSC Seaview Yacht Club BalconySabato 9 giugno, a ponte dei Mille nel porto di Genova, è stata battezzata l’ultima nata della flotta, la MSC Seaview, nuova ammiraglia. Costruita dalla Fincantieri di Monfalcone e costata 800 milioni di euro, la Seaview è la seconda motonave della classe Seaside; le sue misure ed altri suoi numeri sono da record: lunga 323 metri, larga 41 e alta 71, con 154.000 tonnellate di stazza lorda, può ospitare fino a 6.444 persone, 1.413 membri dell’equipaggio e 5.331 passeggeri. Si tratta infatti della più grande nave italiana e della più grande mai realizzata nel nostro paese. Il suo primato è tuttavia destinato a durare solo un anno, perché col battesimo di MSC Bellissima, nel giugno del ’19, il titolo di ammiraglia della flotta MSC Crociere passerà a quest’altra motonave ora in costruzione.
Ma vediamo altre principali caratteristiche della Seaview. La sua velocità di navigazione è di 21.8 nodi; essa dispone del sistema “Advanced Water Treat” per rimuovere le sostanze inquinanti e di una rete d’illuminazione LED per limitare al minimo il consumo d’energia e favorire così la salvaguardia ambientale.

Roy Yamaguchi e Ramòn Freixa

Gli chef Roy Yamaguchi e Ramòn Freixa

Progettata con criteri avveniristici dallo studio De Jorio, MSC Seaview è la nave che dispone del maggiore spazio esterno al mondo; diciotto i suoi ponti, e diciotto le categorie di cabine – in totale 2.066 – in grado di soddisfare le esigenze dei più diversi viaggiatori: spiccano quelle della classe Yacht Club Royal Suite, con 57 mq di superficie più 33 mq di balcone, e della Yacht Club Deluxe Suite; ma sono tutte molto confortevoli e accessoriate al meglio.Degli undici ristoranti presenti sulla nave, sei sono tematici (di questi, uno è condotto dal catalano Ramón Freixa, l’altro dal nippo-americano Roy Yamaguchi, entrambi chef stellati); venti sono i bar e le lounges. A disposizione di chi ama il benessere fisico sono sia la palestra Tecnogym, con attrezzatura d’avanguardia, sia il centro MSC Aurea, che offre trattamenti balinesi di rivitalizzazione psico-fisica e presenta un ambiente molto suggestivo, impreziosito da mosaici, legno pregiato e tratti pavimentati in pietra naturale.
MSC Seaview Ristorante Sea DolphinPer trascorrere altrimenti il tempo libero sulla Seaview si trovano due piste da bowling regolamentari, il parco acquatico interattivo Aquaventure Park, disposto su più livelli e dotato di cinque scivoli (uno dei quali lungo 112 metri e due ad alta velocità con sezioni trasparenti che esorbitano dal fianco della nave), un cinema a 4D, una vasta sala giochi, una discoteca, aree giochi per i più piccoli. Restano da citare il modernissimo Odeon Theatre, con 934 posti a sedere e una compagnia composta di trentasette artisti che propone ben sette diversi spettacoli, la stupenda promenade esterna ai ponti inferiori, che avvolge la nave in modo da intensificare l’impatto col mare, e gli eleganti e altissimi ascensori panoramici in vetro, dispensatori di visuali inedite mozzafiato: altre le offrono i due zip-lines, due linee teleferiche che percorrono ad alta velocità 105 metri partendo dal punto più alto della nave.
Per tutto il corso dell’estate, MSC Seaview sarà impiegata a coprire itinerari settimanali nel Mediterraneo occidentale, con partenze da Genova, Napoli e Messina e soste turistiche a La Valletta, Barcellona e Marsiglia. Ai primi d’autunno si sposterà in Sudamerica dove effettuerà crociere in alcuni dei luoghi più incantevoli del vasto Brasile.

Cerimonia Inaugurazione MSC SeaviewLa cerimonia del battesimo, introdotta egregiamente dalla spigliata Michelle Hunziker, ha visto avvicendarsi sul palco posto davanti alla nave una fitta serie di personaggi: oltre all’armatore Aponte, a suo genero Pierfrancesco Vago, executive chairman, e a Gianni Onorato, chief executive officer di MSC Crociere, davanti alle autorità cittadine, regionali e religiose. È quindi stata la volta dei molti esponenti del mondo dello spettacolo presenti: da Lorella Cuccarini, che ha introdotto i 50 bambini del Piccolo Coro dell’Antoniano di Bologna, ambasciatori dell’Unicef – che per MSC hanno inciso il brano I Can Belive – all’attrice comica Geppy Cucciari, anch’ella ambasciatrice Unicef, al cantante Matteo Bocelli, figlio di Andrea, ai film-maker italiani The Jackal – coadiuvati da danzatori e acrobati della troupe attiva a bordo della nave – a Zucchero Fornaciari, che ha cantato una canzone accompagnandosi al pianoforte.
Sophia Loren al varo della MSC Seaview Dulcis in fundo, accompagnata dal Comandante della MSC Seaview Pier Paolo Scala, è giunta la madrina della cerimonia, l’indimenticabile Sophia Loren (che per la compagnia ricopre questo ruolo dal 2003): il suo taglio del nastro è sfociato in un’ovazione quando si è vista la bottiglia di spumante infrangersi contro la fiancata della nave. Al termine della cena di gala che è seguita, uno spettacolo pirotecnico ha illuminato gli edifici e le tranquille acque del porto; a concludere degnamente la serata è stato il concerto di Zucchero tenuto sul ponte sole. Durante quel mattino la MSC Seaview era stata visitata e benedetta dall’arcivescovo metropolita di Genova, il cardinale Angelo Bagnasco.

Info: msccrociere.it

di Virgilio Zanolla

Autore