Un nuovo volo da Bologna a Tbilisi collega la Georgia all’Italia

0

Tbilisi - GeorgiaA cavallo fra l’Europa e l’Asia, tra leggenda e storia, tra modernità e tradizioni, la Georgia detiene un patrimonio architettonico e artistico straordinari, lasciati in eredità dalle complesse vicende storiche dei secoli passati. Il paese – la leggendaria Colchide, terra del Vello d’Oro – ha molto da offrire, con le sue chiese antiche e i paesaggi pittoreschi, le valli coperte da vigneti, le sue rinomate specialità enogastronomiche e le 2.400 fra sorgenti e acque minerali. La capitale Tbilisi, felice incontro tra Est e Ovest, rispecchia la lunga e complicata storia del Paese, che ha subito prima la dominazione persiana e poi quella russa. La città, con il suo centro storico dalle stradine acciottolate e il suo intreccio di stili architettonici diversi, offre chiese ortodosse orientali, palazzi in stile liberty, strutture moderniste di epoca sovietica e altro ancora. È chiamata “la Piccola Gerusalemme”, per la felice convivenza, nel suo centro storico, di moschea, sinagoga, chiese cattoliche, ortodosse e armene, ed è famosa anche per suoi stabilimenti balneari di zolfo alimentati da sorgenti termali naturali.

Georgian Airways - Bologna TbilisiOra la Repubblica di Georgia è più vicina grazie a Georgian Airways, compagnia di bandiera, che ha scelto di lanciare la propria offerta con due collegamenti settimanali da Bologna (il mercoledì e il venerdì – al prezzo medio di 150 Euro andata e ritorno) verso la capitale Tbilisi. A spingerla, i buoni risultati raggiunti dal settore turistico georgiano, che registra un trend in costante aumento e rappresenta il 6,8% del Pil. Nel 2017, infatti, il numero di visitatori che hanno scelto di scoprire la terra del Vello d’Oro è stato pari a 7,6 milioni, ovvero il 19% in più rispetto all’anno precedente (nel 2015 erano stati 5,9 milioni). Anche in questi primi quattro mesi del 2018 le cose sembrano andare molto bene. Tra gennaio e aprile i visitatori sono stati più di due milioni, il 15,9% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Un andamento che ha portato le previsioni per il 2025 a parlare di 11 milioni di arrivi e un nuovo impulso allo sviluppo delle strutture di ricezione, con la realizzazione prevista – tra il 2018 e il 2019 – di 33 nuovi hotel, per più di 67 mila posti letto.

In questo scenario, il mercato italiano si difende. Negli ultimi 5 anni, infatti, le presenze provenienti dal Belpaese sono quasi raddoppiate, passando dagli 8.438 arrivi del 2012 ai 14.916 del 2017 (che segna un +14% rispetto al 2016). Anche nei primi quattro mesi di quest’anno il numero di arrivi dall’Italia si è dimostrato in costante crescita (con 3.694 turisti).

Volo Bologna Tbilisi - Tamara Tandashvili (Georgian Airways) - George Chogovadze - I Portici BolognaA presentare il nuovo collegamento, operativo dal 30 maggio scorso, e il potenziale culturale della capitale della Georgia, a I Portici Hotel di Bologna, c’erano, fra gli altri, la rappresentante della Georgian Airways, Tamara Tandashvili, e il direttore dell’Ente del Turismo georgiano, George Chogovadze. Un’occasione questa anche per conoscere i rinomati vini georgiani – si dice infatti che la Georgia sia la culla del vino, la cui cultura è attestata, da ricerche archeologiche, sin da 7000 anni fa: è stata trovata qui la cantina più antica del mondo, datata 4000 a.C.
Oltre al volo di linea da Bologna verso Tbilisi, il Paese caucasico è collegato all’Italia anche grazie ai voli diretti operati dalla Wizz Air da Milano Malpensa a Kutaisi (con 3 voli settimanali) e da Roma Fiumicino a Kutaisi (con 2 voli settimanali),  inaugurato il 31 maggio scorso e presentato a Roma due giorni fa.

Info: www.georgia.travelwww.gnta.ge – www.georgian-airways.com

Autore