Tecnologie, nuove tendenze e marketing tra i temi di TTG Travel Experience

0

Lo scorso 10 ottobre è stato il futuro del turismo in Italia (e non solo) il tema di apertura per TTG Travel Experience, SIA Hospitality Design e SUN Beach & Outdoor Style. Il convegno inaugurale di Italian Exhibition Group ha visto come protagonisti il ministro del Turismo Gian Marco Centinaio, il Presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini, il Sindaco di Rimini e Presidente di Destinazione Romagna Andrea Gnassi e il Presidente di Italian Exhibition Group Lorenzo Cagnoni. Hanno introdotto i lavori Mirko Lalli, fondatore di Travel Appeal e Giancarlo Carniani, Italian Analyst per PhocusWright, che hanno focalizzato l’attenzione sull’impatto che la rivoluzione digitale sta già avendo sull’industria turistica mondiale. Il talk-show ha dipinto, attraverso i numerosi dati forniti, uno scenario che prevede un’impennata del mercato turistico europeo nei prossimi anni, con un indotto che raggiungerà la cifra di 30 miliardi di euro (su cui l’online inciderà del 34%, con una crescita del 6%).

Talk-show di apertura TTG - SIA - SUNIl Ministro Centinaio è stato accolto da una grande folla di operatori ed è stato presente in Fiera già dalla mattina, dicendosi emozionato di trovarsi lì, «dove sono sempre venuto in veste di operatore, mentre ora lo sono come ministro per la prima volta», in quella che considera «la Fiera del turismo». Se TTG è la fiera leader del settore, spiega Lorenzo Cagnoni, è perché c’è «una storia, che nel tempo ci ha consentito di associare tre saloni che oggi rispondono al mercato con la concretezza di un unico, grande strumento. Abbiamo associato l’expo ai contenuti e queste giornate ne propongono ad un livello eccellente».
Il talk-show inaugurale ha visto gli esponenti politici compatti sulla necessità di lavorare sul settore turistico per il bene dell’Italia tutta. «Vogliamo cambiare marcia» ha detto il Ministro Centinaio, «con una nuova vision nella quale tutti siamo insieme, a prescindere dalle appartenenze politiche, per lavorare a vantaggio del nostro Paese». Per la qual cosa, ha spiegato Andrea Gnassi, serve superare una «storica mancanza di visione industriale del turismo. Serve una politica concreta in questa direzione, serve codificarla, serve collegare le eccellenze del territorio». E per far sì che i risultati raggiunti dalle singole città o dalle singole regioni si affermino concretamente, è necessario che il Paese si muova con unitarietà, come ha aggiunto Stefano Bonaccini.

Tanti altri gli argomenti affrontati in questi giorni di fiera: dai dati del turismo italiano ed estero al marketing alberghiero, dalle nuove tecnologie alle tendenze future; e molte sono le regioni italiane e i paesi esteri che si sono presentati nel corso della rassegna.

Ad aprire le danze del ricco calendario di convegni di SIA Hospitality Design è stato Laddy Mogelonsky, che ha parlato dell’evoluzione del marketing alberghiero internazionale, analizzando l’inarrestabile ascesa di Airbnb e i cambiamenti e le nuove opportunità che si presentano per le strutture ricettive. Dopo di lui Constantina Tsoutsikou, Direttrice creativa dello studio di progettazione alberghiera più grande al mondo, ha invece svelato i segreti per creare un hotel-icona: ha raccontato la sua esperienza nella progettazione di nuovi hotel pensati per essere indimenticabili sin dall’inaugurazione.

Si è parlato molto anche di innovazioni tecnologiche per il settore alberghiero, campo in cui geolocalizzazione e realtà aumentata la fanno da padroni, abbinate ad App e Card che consentono una nuova modalità per visitare le città.
Un’azienda di TTG, ad esempio, propone la possibilità di acquistare un servizio di tracking del bagaglio passeggero: qualora il bagaglio venga smarrito, sarà sufficiente scansionare il codice QR Code presente sulle nuove, speciali etichette, per ottenere tutte le informazioni del passeggero; al momento della scansione, il proprietario è avvisato via sms o e-mail su dove si trova la valigia.
Sono state anche presentate soluzioni innovative per la sicurezza in hotel: la gestione cloud degli accessi in albergo; un check in sempre più veloce con la creazione di una chiave in soli 3 click; metodi per poter bloccare le tessere smarrite o rubate in modo semplice e veloce o poter avere tutto sotto controllo con uno storico eventi degli accessi.

furio Gianforme - TTG - SIA - SUN Investire sempre più sulle tecnologie digitali e sull’intelligenza artificiale, essere pronti non solo a dare la risposta giusta al momento giusto ma, per il futuro, anticipare le esigenze del cliente, diventato sempre più curioso, esigente e impaziente: è questo il mantra e la sfida che arriva dai Digital Leaders, i top manager di Google, Booking.com ed Expedia, protagonisti di uno degli appuntamenti più attesi della Fiera. Sono intervenuti Furio Gianforme, Travel Industry Head di Google, seguito da Walter Lo Faro, country manager di Expedia e Alberto Yates, Regional Manager Italia di Booking.com.
«Il mobile ha cambiato enormemente le esigenze del consumatore e lo farà ancora di più nei prossimi cinque anni», questo il succo dell’intervento del top manager di Google. Il consiglio agli operatori del settore è di attrezzarsi nel campo dello sviluppo digitale, e di farlo subito, così come stanno già facendo i big del settore. Investendo sempre più, ad esempio, sulla tecnologia Voice: «La tastiera in futuro probabilmente non esisterà più – ha osservato Lo Faro  – Si parlerà con i vari device».

Glamping - TTG - SIA - SUNTra le tendenze future si preannunciano un’aumentata diffusione di veicoli elettrici, capaci di spostarsi agevolmente ovunque, e tante novità nel settore outdoor: le nuove case mobili per camping, tra eleganza e comfort; il glamping – tende di lusso da 40mq all’interno di un contesto verde – e gli Home Container – moduli abitativi allestiti all’interno di container marittimi e dotati di ogni comfort; e infine le Yurte, tradizionali tende delle popolazioni nomadi della Mongolia, che garantiscono l’isolamento tecnico grazie a tecniche di costruzione affinate nei secoli.

Interessanti le analisi presentate, che toccano vari aspetti del settore turistico: Human company ha presentato il primo Osservatorio del Turismo Outdoor, che ha mostrato come il valore del comparto del turismo all’aria aperta ha in Italia un valore di ben 4,9 miliardi di euro, con una previsione di crescita del 1,3% per il prossimo anno. Nel 2018 il 77% delle strutture ricettive outdoor si sono dimostrate attive online. Toscana, Veneto e Puglia sono le regioni con più offerta di strutture di questo tipo, nonché quelle più frequentate. In generale, l’offerta attiva estiva è concentrata sulle coste italiane (43,5%), ma anche le città d’arte spiccano per occupazione degli alloggi outdoor in città (36,7%).

Un’indagine dell’Osservatorio per l’Innovazione digitale nel turismo del Politecnico di Milano ha invece analizzato la crescita del mercato turistico digitale: un mercato che oggi vale 14,2 miliardi e ha già avuto un incremento dell’8% rispetto al 2017, rappresentando il 24% del mercato del Travel in Italia. A trainare il mercato restano i trasporti (61%), seguiti dagli alloggi (29%) e dai pacchetti (10%%). «La componente digitale del mercato cresce anche grazie agli attori ‘tradizionali’ della filiera, come molte strutture ricettive, alcune agenzie, specifici tour operator, alcuni servizi a supporto della mobilità, svariati servizi in destinazione» afferma Filippo Renga, Direttore dell’Osservatorio. Ponendo pari a 100 il numero delle prenotazioni nelle strutture avvenute nel 2018, in media 46 di queste vengono effettuate dal cliente finale direttamente (20 tramite una email e 11 su sito, app e social network) mentre 36 tramite OTA (Online Travel Agency) o portali di Home sharing (la cui incidenza complessiva supera ormai il 30%). Il 15% avviene tramite telefonata o al banco.

RIMINI FIERA - TTG SIA SUN.Tra le Regioni Italiane, spicca la Basilicata, che si è aggiudicata nuovamente il Premio Italia Destinazione Digitale, l’Oscar delle Regioni italiane assegnato da Travel Appeal sulla base della reputazione online dell’offerta turistica italiana.
Il Direttore della Fondazione Matera Basilicata 2019, Paolo Verri, ha presentato così l’offerta turistica della città per il prossimo anno, che sarà città europea della cultura: «Matera è un patrimonio rupestre di grande fascino, ma anche un luogo dove i cittadini hanno reinventato una città a misura d’uomo. E i cittadini sono proprio al centro del programma culturale del 2019. Ogni giorno i visitatori avranno l’opportunità non solo di vedere sempre qualcosa, ma di incontrare un cittadino da cui apprendere storie e racconti sulla città, vivendo una vera e propria esperienza di cittadinanza temporanea».
Gli Oscar hanno premiato anche altre regioni: L’Emilia-Romagna è quella più recensita, il Trentino la più accessibile, la Sicilia la più amata dagli stranieri. Ancora, l’Abruzzo è stata considerata la più accogliente, la Liguria quella con i migliori servizi tecnologici e infine l’Umbria quella percepita come “più autentica”. Per assegnare i premi, Travel Appeal ha analizzato più di 13 milioni di recensioni; recensioni che, in Italia, crescono anno dopo anno, trainate dal settore degli appartamenti e affitti a breve termine. L’Italia è sempre più amata dai turisti ed è il Sud, ancora una volta, a conquistare il cuore dei viaggiatori. I tedeschi si confermano i primi recensori e il primo mercato di provenienza estera; le coppie sono la prima tipologia di viaggiatori (con il 45% delle recensioni) e anche i più soddisfatti (84,7 di soddisfazione).

Autore