Apre a Genova il Salone Nautico della Speranza

0

Salone Nautico GenovaIl 58° Salone Nautico (da giovedì 20 a martedì 25 settembre), organizzato da Ucina Confindustria Nautica nella tradizionale sede del quartiere fieristico genovese, offrirà un’ampia e completa panoramica di quanto di meglio producono la cantieristica specializzata e le altre aziende di settore (non solo nazionali) per la gioia degli appassionati e per i sogni di chi concepisce il mare non come pigra e abbronzante vacanza, ma come occasione per vivere una delle più affascinanti componenti del nostro pianeta.

Salone Nautico Genova - Yacht Mylius 80‘Salone della speranza’ perché dovrebbe confermare il trend positivo (in merito è atteso con interesse il rapporto Ucina La nautica in cifre con i dati del settore) di un comparto produttivo particolarmente colpito dalla devastante crisi economica che dal 2008 ha sconvolto tutte le economie del ‘mondo occidentale’ e in particolare quella del nostro Paese che, condizionato da un debito pubblico devastante, presenta una maggiore debolezza strutturale e una ripresa più lenta e incerta.
Elementi negativi che si sono logicamente riflessi sul Salone Nautico, che negli oltre cinquant’anni di vita è stato specchio fedele del settore, seguendone e al tempo stesso favorendone crescita e affermazione a livello internazionale e contribuendo in grande misura a far conoscere e diffondere la bellezza dell’andar per mare e a far capire che si tratta di sensazioni di cui tutti possono godere, non solo le categorie economicamente più fortunate. Dietro il sogno dei grandi yacht vi è, infatti, la realtà di centinaia di tipologie d’imbarcazioni di struttura e dimensioni diversificate che, oltre a permettere a tutti di vivere il mare, rappresentano uno dei settori in cui si manifesta la creatività italiana come design, tecnologia e capacità artigiana delle migliaia di addetti.
Già l’edizione 2017 del Salone ha mostrato chiari e forti segni di ripresa che si spera – ed esistono le migliori premesse al riguardo – sia ampiamente migliorata.

‘Salone della speranza’ in questo momento anche per Genova, economicamente e ancor più psicologicamente colpita dal tragico crollo del Ponte Morandi che, concepito negli stessi anni del Salone, ha fino a ieri rappresentato l’orgoglio e il simbolo di una città che guarda al futuro con audacia. Il Nautico, che comunque si lega alla vocazione storica di Genova, può oggi svolgere un’importante funzione di volano non solo economico, ma anche psicologico per ciò che significa l’andar per mare: passione, coraggio e un po’ di audacia, caratteristiche che fanno del Nautico un simbolo della città.

Le peculiarità strutturali della Fiera, con ampi e attrezzati spazi in mare affiancati da quelli a terra, sia all’aperto sia al coperto, consentono di esporre le ultime novità della produzione cantieristica, i motori, l’elettronica, gli accessori, il turismo e tutti i servizi rendendo il Salone Nautico un evento unico nel pur ampio panorama espositivo del settore.

L’edizione 2018 presenta 948 espositori (+7,2% sul 2017) e parimenti in crescita sono le imbarcazioni in acqua (+46), i motori entrobordo (+13%), i fuoribordo (+23%) e accessori e componentistica (+16,8%): dati che confermano come l’appuntamento genovese sia irrinunciabile per il mercato, anche internazionale, della nautica e per gli appassionati del mare e come sia una piattaforma a 360° di confronto istituzionale e tecnico per tutto il settore.

Come sempre di grande impatto e fascino sarà il comparto della ‘Vela’, caratterizzato da una maggior dimensione delle imbarcazioni esposte.
Adeguando la filosofia della manifestazione alle richieste emergenti gli organizzatori hanno sviluppato l’identità di ogni segmento sottolineando in tal modo la natura multispecialistica del Nautico: il layout presenta, infatti, quattro saloni in uno, frutto ciascuno di un’analisi puntuale delle necessità delle aziende e dei visitatori, siano essi appassionati o operatori, prevedendo servizi dedicati a ogni target.

Convegni istituzionali del ForumUCINA, workshop, eventi e premiazioni sportive
affiancano le iniziative del Sea Experience che consentono di sperimentare le ultime novità degli sport acquatici e farsi coinvolgere in sfide spettacolari.
Salone Nautico Genova
Anche l’edizione 2018 del Salone Nautico sarà in prima linea per la salvaguardia del mare e delle sue biodiversità, con numerose iniziative e presenze volte a coinvolgere e sensibilizzare il pubblico su tale necessità fondamentale per il futuro dell’uomo: dalle azioni ambientali alle vele 100% riciclabili, le diverse proposte mirano a coinvolgere tutte le figure in qualche modo legate al mare poiché ognuna (dalle istituzioni ai diportisti, dai porti turistici fino ai bagnanti) è in grado di contribuire attivamente alla causa.

Come sempre il Nautico sarà la vetrina privilegiata per presentare tutte le novità sia estetiche sia frutto delle tecnologie più avanzate. Ogni visitatore può cercare le innovazioni che lo interessano maggiormente su motori, motoryacht, vele, gommoni… avendo l’imbarazzo della scelta. Non SI può mancare però di concedere attenzione ai sogni andando ad ammirare le due ammiraglie del 2018: il 48 metri T-Line dello storico Cantiere Baglietto per le imbarcazioni a motore e il Mylius 80’ (primo Flush Deck del cantiere piacentino) per la vela. Due sogni che invitano a rimandare il risveglio.

Info: Salone Nautico

VIABILITA’ PER IL SALONE NAUTICO

Tra le conseguenze della recente tragedia del crollo del ponte Morandi vi è la necessità di identificare percorsi alternativi per accedere alla città e quindi al Salone. Se per le auto provenienti da Sud, da Est e dall’autostrada Milano-Genova i percorsi sono invariati la situazione muta per quanto concerne il Ponente. L’organizzazione del Salone in accordo con le competenti autorità ha elaborato i seguenti percorsi per raggiungere la Fiera di Genova, sede della manifestazione: venendo da Ponente (Francia, Ventimiglia, Imperia o Savona) si deve uscire obbligatoriamente al casello Genova Aeroporto e raggiungere attraverso il percorso urbano la nuova strada a sei corsie Guido Rossa e successivamente imboccare la sopraelevata Aldo Moro che termina in prossimità dell’ingresso della Fiera. venendo da Torino si dovrà proseguire sulla A21, oltre il bivio con la A26 e raggiungere il casello Genova Ovest della A7 (Milano-Genova) o quello di Genova Est.