bto

Lungo le Antiche Vie dei Pellegrini, 14 “Cammini” in Emilia Romagna

xSono 14 le Vie dei Pellegrini - dalla Via Francigena, attualmente candidata al riconoscimento Unesco, alla Via Romea Germanica fino alla Via di San Francesco - che percorrono l’Emilia Romagna, collegandola a tutta Europa e a Roma, toccando antiche pievi, santuari, piccoli borghi e paradisi naturali per oltre 2000 chilometri di itinerari.   

Nel 2015 l’Emilia Romagna ha avviato il progetto “Turismo Esperienziale dei Cammini e delle Vie di Pellegrinaggio”, promosso da Apt Servizi in collaborazione con l’Assessorato al Turismo Regionale dando così vita a un Circuito regionale di 14 Cammini che coinvolge 24 operatori turistici altamente specializzati.

 

Leggi tutto: Lungo le Antiche Vie dei Pellegrini, 14 “Cammini” in Emilia Romagna

Perù del Nord: le civiltà andine prima degli Inca

xQuando nel 1533 i conquistadores spagnoli di Pizarro, accecati dalla bramosia di ricchezze trovate nell’agonizzante impero inca di Atahualpa, il mitico El Dorado, conquistarono Cuzco e uccisero l’ultimo figlio del sole, non posero soltanto fine all’unico stato unitario precolombiano sviluppatosi nelle Americhe e a una delle sue più originali culture, appunto quelle degli Inca. Misero anche fine a una storia autoctona, o quanto meno ne cambiarono profondamente il corso, una storia iniziata ben 32 mila anni or sono, ancora in piena preistoria, e che fa del Perù l’epicentro dell’evoluzione culturale dell’uomo nel nuovo continente.  A prima vista non sembrerebbero esserci i presupposti. Il Perù, grande quattro volte l’Italia, infatti è una nazione del Sud America occidentale affacciata per ben 2.250 km sul Pacifico, con tre nette fasce geografiche-climatiche-ambientali:  una pescosa costa arida e desertica, la regione montuosa andina con cime alte fino ed oltre i 6.000 m, e infine l’umida e intricata foresta amazzonica interna, condivisa con Brasile e Bolivia. 

 

Leggi tutto: Perù del Nord: le civiltà andine prima degli Inca

Argentina del Sud: dalla Patagonia alla Terra del Fuoco

fGrande quasi dieci volte l’Italia, lunga ben 3.500 km e larga fino ad un massimo di 1.400, l’Argentina si presenta ovunque come un paese di vasti orizzonti e di ampi respiri, non a caso ottava al mondo per estensione, e anche la nazione naturalisticamente più ricca e più varia dell’America meridionale. Spazia infatti dalle montagne dei mille colori e dal cielo cobalto nel nord-ovest andino, dominato dalla possente mole dell’Aconcagua, massima vetta americana, alle imponenti cascate dell’Iguazu nel mare verde della vegetazione tropicale, dalle immense pianure dove pascolano milioni di bovini sorvegliati da taciturni gauchos a cavallo, i moderni cow-boys del sud, alla regione alpina dei grandi laghi, ai ghiacciai perenni della Patagonia, schiacciati tra le Ande e l’Atlantico, dominati dalle cime aguzze del Fitz Roy e del Cerro Torre, sogno proibito di ogni scalatore, ai giganti marini della penisola Valdès, fino alle foreste incendiate di rosso dalla luce metallica della fine del mondo nella Terra del Fuoco, estremo baluardo meridionale del continente e delle terre emerse, dove si incontrano le acque di due oceani, Atlantico e Pacifico.

Leggi tutto: Argentina del Sud: dalla Patagonia alla Terra del Fuoco

Aeroporti e vacanze: come risparmiare tempo e denaro sul transfer

kSecondo i dati Volagratis.com l’80% degli italiani andrà in vacanza tra luglio e agosto, in particolare nel periodo a cavallo di Ferragosto, con una spesa a testa di circa 1.200€ in Italia e di 1.600€ in Europa per un break di appena una settimana. Per evitare di cadere in un classico intoppo della vacanza, il transfer troppo caro o/e troppo lungo, Volagratis.com ha indagato sui modi migliori per affrontare il tragitto di andata e ritorno sui 12 aeroporti più trafficati al mondo. Per l’indagine sono stati presi in considerazione i mezzi principali, quali treno, bus, taxi e uber.

Leggi tutto: Aeroporti e vacanze: come risparmiare tempo e denaro sul transfer

Il gusto dell’estate in Emilia Romagna con Tramonto DiVino

gDa Bologna a Piacenza passando per Ferrara, da Milano Marittima a Rimini con approdo a Cesenatico: in tutto sei località che si trasformano in capitali del cibo e del vino di qualità dell’Emilia Romagna, in un racconto fatto di centinaia di etichette regionali e prodotti d’eccellenza Dop e Igp. Tutto questo è Tramonto DiVino, la carovana del gusto della Regione Emilia-Romagna che da undici anni anima l’estate tra le città d’arte e le principali località balneari della Riviera. Protagoniste oltre 1000 etichette di circa 300 cantine della regione della guida, fresca di stampa, “Emilia Romagna da Bere e da Mangiare”, raccontate e abbinate alle più blasonate produzioni certificate da decine di sommelier Ais, chiamati come ‘mediatori culturali’ dell’enogastronomia. Banchi d’assaggio dove la cultura enologica e l’identità territoriale sposano la più ricca e sofisticata produzione alimentare di un territorio principe per biodiversità e varietà di eccellenze. E ancora abbinamenti di nicchia, confronti al top fra differenti terroir del vino, racconto e meditazione su tutto quanto fa cultura, tradizione, fantasia e varietà gastronomica.

Leggi tutto: Il gusto dell’estate in Emilia Romagna con Tramonto DiVino

Pagina 5 di 34

Leggi online il nuovo web, ricco di notizie: con un click sei nel mondo dell'Ospitalità!

a

 

 

ok

 

 

 

 

 

 

cs

 

c

 

 

Joomla templates by Joomlashine